Le eccellenze a “Bosco del falco"

Le eccellenze a “Bosco del falco"

di Antonio Caracciolo

L’agriturismo Bosco del Falco, antica casa rurale costruita a fine ‘800 dai conti veneziani Vanin, si trova in una bellissima radura situata nel Bosco della Serenissima, proprio nel cuore del Montello in provincia di Treviso.

Bosco del falco, dove dimorano fieri rapaci che ne hanno ispirato il suo nome, si estende su ben 4 ettari di terreno, distribuiti tra il grande parco, l’orto, il frutteto, la vigna  e l’allevamento di animali da cortile,  nasce nel 2010, quando Elena e Paolo  decidono di acquistare la casa rurale per trasformarla in un punto di riferimento locale di una cucina fatta di prodotti genuini e territoriali.

Il menù degustazione cambia ogni giorno in base alla disponibilità dei prodotti freschi, quindi piatti gustosi e un servizio impeccabile da ristorante di alto livello.

Un luogo unico, che è stato protagonista degli eventi durante la Prima Guerra Mondiale, infatti la proprietà fu coinvolta dai combattimenti e oggi sono ancora visibili le trincee e le feritoie fatte costruire per il posizionamento delle mitragliatrici sul lato nord-ovest della casa.

Oggi la stessa posizione consente di immergersi totalmente nel relax e nell’atmosfera suggestiva che la natura circostante regala, assaporando la cucina tipica del territorio.

Bosco del falco dispone di uno spazio interno composto da tre sale: una all’entrata con dettaglicountry chic e tavoloni di legno grezzo addobbati con fiori e delizie stagionali, dove nella stagione più fredda si può godere della grande stube in maiolica,  poi una saletta più raccolta e un’ampia sala al piano superiore, dove un tempo erano collocati il granaio e il fienile.

Elena, che si occupa della gestione della cucina e Paolo che si dedica alla cura del parco, all’accoglienza e al rapporto con clienti, offrono al Bosco del falco una cucina frutto di una terra osservata  e interpretata con amore, espressa nella sua tradizione, ma anche nella sua continua ricerca di nuove ricette.

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *