VINI CHE GUARDANO I CALANCHI

VINI CHE GUARDANO I CALANCHI

di Angela Merolla

In Umbria, sulla strada che porta ad Allerona, accompagna un suggestivo paesaggio; alture segnate da profonde spaccature, i “calanchi” inermi di fronte all’erosione del tempo, mentre poco distante la natura esplode rigogliosa e segue le forme morbide delle valli fino alle colline.

Ed è tra i comuni di Allerona e Ficulle che negli anni ottanta iniziò a prendere vita l’azienda agricola Argillae, dalla grande passione di Giuseppe Bonollo per la terra ed i suoi frutti, destinata a produrre vino e olio che rappresentassero fedelmente queste terre.

Oggi è Giulia di Cosimo, che ereditata la stessa passione di nonno, Giuseppe, con grande slancio porta avanti il progetto aziendale, tant’è che  per seguirlo al meglio si è trasferita presso la meravigliosa tenuta di famiglia.

Argillae si estende su 262 ettari di terra, dove incorniciati dai boschi si aprono 64 ettari vitati a Grechetto, Malvasia Istriana, Fiano, Chardonnay, Procanico, Montepulciano, Merlot e Cabernet Sauvignon; 11 ettari invece sono destinati a oliveto con piante Leccino, Moraiolo, Frantoio da cui l’olio extravergine d’oliva a marchio Argillae. Ulteriori 60 ettari sono destinati alla coltivazione di seminativi e oleaginose come la colza e il girasole.

Ogni anno sono circa 70.000 le bottiglie prodotte in sei diverse etichette, vini che raccontano il territorio dai vini bianchi a quelli rossi e sottolineano il carattere aziendale.

Una interessante espressione Argillae è data dal Vascellarus Umbria rosso Igt, blend da uve Montepulciano e Cabernet Sauvignon che fermenta in acciaio con ripetutiti rimontaggi e delestage, poi affina in barrique di rovere francese per circa 12 mesi e in bottiglia altrettanti mesi prima di essere commercializzato.

Al calice si presenta limpido, rosso rubino carico, al naso intenso e complesso dove con la frutta rossa matura si apprezzano i ritorni speziati e balsamici. Al gusto, si palesa la mineralità del territorio, sapido e fresco, dal tannino elegante in equilibrio con la rotondità della beva intensa e persistente.

Un territorio, un’azienda, un’altra storia da raccontare.

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *