Piadina Night

Piadina Night

La Romagna celebra il pane tipico romagnolo e i prodotti con cui può essere farcito ovvero la “Piadina”.

Arriva a Rimini la prima edizione della ‘Notte della Piadina’, giovedì 25 luglio sul porto in piazzale Boscovich.

Detta in origine anche piada, la piadina è un prodotto alimentare composto da una sfoglia di farina di grano, strutto o olio di oliva, bicarbonato o lievito, sale e acqua, che viene tradizionalmente cotta su un piatto di terracotta, detto teglia (teggia in romagnolo), ma oggi più comunemente viene cotta su piastre di metallo oppure su lastre di pietra refrattaria chiamate testi (tëst in dialetto).

Fin dagli antichi Romani ci sono tracce di questa forma di pane. La prima testimonianza scritta della piadina risale all’anno 1371. Nella Descriptio Romandiolae, il cardinal legato Anglico de Grimoard, ne fissa per la prima volta la ricetta: “Si fa con farina di grano intrisa d’acqua e condita con sale. Si può impastare anche con il latte e condire con un po’ di strutto”.  

La ‘Notte della Piadina’ prevede ben sei proposte diverse di piadina, dalla versione classica a quelle gourmet, preparate dagli chef della scuola di cucina di ICook e dagli chef dell’Istituto Alberghiero Pellegrino Artusi di Forlimpopoli e servita dai ragazzi della scuola.

Una festa organizzata dal Consorzio di Promozione e Tutela della Piadina Romagnola, animata la musica sound di Mirko Casadei,  presenti la Fondazione Simoncelli e il Ducati Club Romagna.

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *