PANETTONI D’ITALIA

PANETTONI D’ITALIA

Quelli consigliati da Sud a Nord, tradizionali, originali e innovativi, tutti artigianali e di altissima qualità. Per un Natale 2019 ricco di gustose emozioni.

De Pascale dal 1850 ad Avellino, una storia tutta da gustare e grazie al notevole bagaglio di esperienza, nasce uno dei panettoni più apprezzati e innovativi che de Pascale propone alla clientela per il periodo natalizio: il Pan Babà. “E’ uno dei gioielli della nostra collezione di panettoni di cui siamo particolarmente fieri – ci spiega Roberto de Pascale – dal sapore delicato, soffice e profumatissimo, viene farcito con crema al gusto tipico del nostro babà. Per la sua lavorazione dedichiamo massima cura all’intero procedimento, dall’incordatura degli impasti all’ infornatura, ed utilizziamo i migliori ingredienti tutti 100% italiani, prerogativa peraltro di ogni nostra produzione: dal burro delle Fattorie Fiandino del Piemonte alla panna fresca della Centrale del Latte di Salerno, alla pasta d’arancia candita Agrimontana.”

Completano l’inimitabile gamma di panettoni, il Pan Pascal, da una ricetta classica degli anni ’50 con uva passa e copertura di pinoli, il Pan Gelato alla pasta di mandorla oppure alla crema Chantilly, il Pan Strega, il Pan Limoncello, il Pan Albicocca e Gocce Fondenti, il Pan Pistacchio, il Pan Classico con uva passa e arancia candita, il Pan Choco al cioccolato, il Pan Cassata, quest’ultimo disponibile a Natale e Capodanno.

La storia della Pasticceria Vincente Delicacies, parte dalla voglia viscerale di costruire qualcosa di magico, di estremamente virtuoso e particolarmente raffinato, raccontando con passione il territorio della Sicilia.
Un progetto unico, con contenuti di altissima qualità, carichi di tipicità e di forti connotati territoriali. Con sede a Bronte, patria del Pistacchio Verde DOP, rivolge alla selezione delle materie prime e alla loro lavorazione grande attenzione, poi ricerca costante e creatività sono il segreto dell’unicità di Vincente.


Per Natale, la pasticceria Vincente Delicacies realizza panettoni artigianali, dai nomi inconfondibili che riconducono alla Sicilia: Vincenzo Bellini, Leonardo Sciascia, Claudia Cardinale, Sant’Agata, Luigi Pirandello, Antonello Da Messina e quest’anno alla collezione si aggiunge il Panettone I Pupi. Realizzato con lievito madre e 40 ore di lievitazione dalle maestranze pasticcere siciliane di Vincente Delicacies dove regna il principe verde di Bronte DOP, il pistacchio di Sicilia, a cui si aggiunge la pesca locale e gocce di cioccolato fondente.

Lievitati Artigianali “AMMORE”, nascono dai sapori del territorio campano, dalla passione per le cose buone e genuine di una volta che hanno ispirato l’imprenditore campano Napoleone Cioffi.

Una ricetta ricca di tradizioni, quella del panettone, un incontro di ingredienti e di forme che stimolano i sensi e suscitano dolci emozioni.

Ben 19 tipologie,  realizzate in laboratori artigianali, dove la maestria dei pasticcieri si fonde alle migliori tecniche di lavorazione utilizzando metodi biologici. Il lievito madre, una lenta lievitazione e le migliori materie prime rigorosamente italiane, sono l’essenza principale di questi panettoni di gran pregio, assolutamente  senza conservanti e grassi idrogenati, senza aromi artificiali e semi preparati o miscele di polveri, ciò nel rispetto della tradizione e dei consumatori.

Diverse e originali sono le tipologie, dal panettone farcito con crema di cioccolato fondente e Mirto di Sardegna a quello con crema di Nocino e fichi bianchi del Cilento  Bio DOP, dal farcito con crema al mandarino e mandarini canditi al panettone ripieno di crema al limoncello. Ma punta di diamante di Ammore,tra i tanti gusti interessanti, per le festività 2019 è il Panettone farcito con Crema alla Grappa di Greco di Tufo e Albicocche candite. Nato da una lenta lavorazione artigianale, realizzato con lievito madre e infornato dopo una lievitazione di 24 ore, il Panettone alla Grappa è impreziosito da cubetti di albicocche candite e da una gustosa crema alla grappa, ottenuta esclusivamente dalla distillazione di vinacce di Greco di Tufo nel totale rispetto della tradizione, il tutto è completato dal caratteristico aroma della grappa al Greco di Tufo dell’Antica Distilleria Russo, una delle selezionate aziende partner del progetto.

Peck firma sei panettoni d’autore per il Natale 2019. Al tempio dell’alta gastronomia milanese, oltreai quattro panettoni creati dal Pastry Chef Peck Galileo Reposo, si aggiungono quest’anno le proposte di due autori d’eccezione, gli chef Niko Romito e Massimiliano Alajmo.

Sei diverse storie, sei straordinarie interpretazioni del dolce più amato del Natale: il Panettone “Moro di Venezia” di Massimiliano Alajmo, il “Panettone al Cioccolato” di Niko Romito, i quattro panettoni Peck: “Gusto Classico”, “Pere e Cioccolato”, “Arancia, Ananas e Zenzero”, “Pistacchio, Caffè e Cioccolato Bianco”.

Il “Moro di Venezia” è un panettone al cacao e marasche, un omaggio di Massimiliano Alajmo alla città lagunare. L’impasto lievita per più di 24 ore, risultando estremamente soffice e permettendo ai sapori di esaltarsi in maniera armonica. È accompagnato dalla sua “Crema Eccezionale”, a base di cacao e nocciole siciliane e piemontesi. Il “Panettone al Cioccolato” di Niko Romito è realizzato con un lievito madre creato ad hoc; la lavorazione prevede inoltre una variazione sulla parte grassa, dove il burro viene parzialmente sostituito con una preparazione a base di mandorla. Il risultato è un omaggio alla leggerezza e un’esplosione di sapore fino all’ultimo boccone.

Pasticceria Tabiano nasce nel 1988 a Tabiano Terme, paese nelle verdi colline parmigiane, grazie alla passione ed all’impegno di Claudio Gatti. Quest’anno la sfida per il Natale 2019 di Pasticceria Tabiano si concentra su una nuova focaccia che sposa il mondo della salute e della sana alimentazione: la focaccia ai 10 cereali.

Il dolce a pasta lievitata con 36 ore di lievitazione, viene preparato con farina al 100% italiana e biologica, 10 cereali integrali tra cui farro, orzo e riso candito, zucchero di canna integrale e biologico, metà olio evo biologico e metà burro, per rendere la focaccia ancora più leggera, a cui si aggiungono i classici canditi del Natale, ananas e mandarino.

Si consiglia di conservare la Focaccia in luogo fresco e consumarla almeno venti giorni dopo la sua produzione, poichè l’impasto ha acquisito il giusto equilibrio aromatico ed è nel pieno delle sue caratteristiche organolettiche di gusto, morbidezza e umidità.

L’Antica Pasticceria Muzzi e Le Donne del Vino. Con quali vini si abbina il Panettone? Solo calici dolci o ci possono essere curiosi accostamenti con altri vini?  Ha provato a rispondere a queste domande l’Antica Pasticceria Muzzi con“Il Panettone e l’Arte del Vino”, un vademecum alla scoperta degli abbinamenti tra i vini regionali italiani e i lievitati da ricorrenza. La guida è stata realizzata in collaborazione con l’Associazione Nazionale Le Donne del Vino che ha messo a disposizione la grande conoscenza delle sue sommelier. L’opuscolo sarà in omaggio in tutti i Panettoni della Linea Vini del Catalogo 2019 e nel panettone classico appositamente studiato per celebrare la collaborazione.

L’iniziativa sancisce un’alleanza tra Antica Pasticceria Muzzi, leader nella pasticceria lievitata da ricorrenza nel segmento Premium, e l’Associazione Nazionale Le Donne del Vino presieduta da Donatella Cinelli Colombini.

In tutto 72 abbinamenti vini italiani e panettoni artigianali dell’ Antica Pasticceria Muzzi, erede diretta della famiglia Muzzi, pasticceri umbri di Foligno dal 1795.

Ricetta semplice e antica, per il panettone artigianale “a metodo classico”, unico e premiato anche da iTQi con il massimo riconoscimento delle Tre stelle Superior Taste. Un dolce che emana passione ed emozione, che trovano il loro corrispondente perfetto nell’altissima qualità delle varie tipologie di vini dolci delle regioni italiane: un connubio brillante, parte di quella bellezza e fantasia creativa che è parte del “made in Italy”.

La Pasticceria Chantilly, da oltre venticinque anni nel meraviglioso comune di Castellana Grotte in provincia di Bari, continua a stupire per creatività e delicata ricercatezza dei suoi dolci artigianali. Uno stile che in occasione delle prossime feste si tinge ancora una volta di tradizione e lo fa non solo con un goloso ventaglio di dolci delle feste ma soprattutto con il più rappresentativo tra i dolci natalizi: il panettone, quello che da Chantilly profuma di italianità, ma con un’anima tutta pugliese.

Da circa 15 anni i fratelli Netti si dedicano con grande trasporto alla migliore produzione di panettoni a levitazione naturale, utilizzando solo ingredienti di prima qualità’: farine selezionate, burro di latteria di  prima scelta ,canditi selezionati e solo cioccolato puro. Un processo di lavorazione che ha la durata di tre giorni e che esclude nel modo più assoluto l’aggiunta di anidride solforosa.

Il panettone di punta Chantilly per il Natale 2019, nonché vincitore del concorso nazionale Mastro Panettone 2019 primo classificato, premio giuria popolare panettone creativo al cioccolato è il Panettone Gold,ovverocioccolato, caffè e caramello, una triangolazione perfetta tra gusto profumo e sofficità che porta un bouquet di aromi, veramente unico.

Rau e il Panettone al Cannonau

Rau Arte Dolciaria, nasce nel contesto della natura incontaminata di Berchidda, un delizioso borgo in provincia di Olbia, ai piedi del Monte Limbara, in Sardegna. 

Le origini dell’azienda risalgono all’immediato dopoguerra grazie Lucrezio Rau, che sin dall’inizio si specializzò nella produzione di finissimi dolci sardi, confetture speciali prodotte da frutti selvatici e mieli mono e multiflorali di altissima qualità.

Uno tra i manufatti della pasticceria Rau è il tipico Pan’e saba: antichissimo dolce lievitato tipico autunnale, soprattutto del periodo della vendemmia, insaporito con la saba , sciroppo d’uva che si ottiene dal mosto appena pronto oltretutto prodotto dalla stessa Rau, arricchito con frutta secca/a guscio e aromatizzato con diverse spezie.

Ma a Natale è giusto raccontare dei  Panettoni artigianali Rau, nati dalla ricetta tipica milanese e con la chiara scelta di utilizzare materie prime di altissima qualità.

Il Panettone al Cannonau ed uvetta è prodotto esclusivamente con ingredienti di prima qualità e senza aggiunta di conservanti.

La lievitazione naturale e la lavorazione di 72 ore lo rendono leggero, soffice e fragrante, preservando gli originali profumi di ogni singolo ingrediente.

Farcito ai Marrons Glaces è il panettone di Mauro Morandin

Sin da ragazzo ha coltivato la passione per gli ingredienti migliori, poi acqua, zucchero, farina e per l’apprezzato pasticcere di Saint-Vincent Mauro Morandin è stato un percorso in crescendo.

Nel laboratorio della pasticceria Morandin, come un tempo si lavora  con attenzione e cura, laddove il maestro ha preferito utilizzare antichi macchinari ristrutturati e riprendere ricette e metodi di produzione rigorosamente artigianali. Niente conservanti e additivi. Solo ingredienti genuini e attenzione estrema nella selezione delle materie prime, per reinterpretare al meglio i grandi classici italiani e internazionali, che si distinguono per l’estetica e il gusto unico.

A Natale entra in gioco il saggio sapere di Mauro Morandin sulla lievitazione naturale dedicata al panettone espresso dalle varianti, più note alle più inedite.

Tra i gusti più apprezzati: il panettone farcito ai marrons glacés e il panettone cioccolato e lamponi, a cui si aggiunge il Matterhorn, realizzato in partnership con Sweet Side di Cervinia.

La collezione, vede l’ingresso nella pasticceria salata: il panettone alla Birra Speciale di Lurisia, che si affianca al panettone al tartufo, sviluppato in partnership con Tartuflanghe, e al panettone alle olive taggiasche, in collaborazione con Galateo & Friends.

Nuovo Mondo e il suo lievitato di Natale

Impossibile resistere alle Peschine di Prato create da Paolo Sacchetti: due semisfere di pasta brioche, farcite con crema pasticcera che lega le due metà, bagna speziata al liquore alkermes , con sfumature di vaniglia. Ma Paolo, vice presidente dell’Accademia Maestri Pasticceri, è anche uno dei più grandi lievitisti italiani e i suoi panettoni da anni figurano nei primi posti delle classifiche più prestigiose.

Infatti il panettone di Paolo Sacchetti nasce da sola Pasta Acida (Madre), mantenuta con l’ utilizzo di farina e acqua, senza aggiunte di start e lieviti disidratati di qualsivoglia natura, aromi naturali, per ottenere prodotti ad alta digeribilità. Anche questo Natale, da Prato il Panettone classico della Pasticceria Nuovo Mondo, fatto con gli ingredienti classici della tradizione come uvetta arancia e cedro e impreziosito da una deliziosa glassa alla mandorle.

Tecnica, esperienza, passione, conoscenza della materia prima, del lievito madre, per dominare l’impasto e la cottura, tanto da ottenere un signor panettone.

BUON NATALE E BUON PANETTONE A TUTTI!!!

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *