Lo chef Maurizio Urso e il cioccolato di Modica

Lo chef Maurizio Urso e il cioccolato di Modica

Expocook 2020, il vice presidente Euro-Toques Italia chef Maurizio Urso racconta il cioccolato di Modica e la sua amicizia con Franco Ruta.

Il cooking show di Urso, Porretto e Triolo abbraccia tre territori: Palermo, Trapani e Ragusa

Il vicepresidente nazionale Euro-Toques Italia e Presidente dell’Accademia Nazionale Italcuochi, patron ed executive chef del ristorante Le Radici di Siracusa, Maurizio Urso racconta il cioccolato di Modica sul palco di Expocook alla Fiera del Mediterraneo di Palermo.

La storia parte dal piatto ideato dal delegato regionale Euro-Toques Sicilia Giovanni Porretto e realizzato anche assieme a Beppe Triolo, anche lui delegato dell’Associazione internazionale.

Si tratta del “Triskelè”, un finger food a base di cioccolato di Modica, ricotta di Piana degli Albanesi, gambero rosso di Mazara e limoni di Ciaculli, che rappresenta e lega tre territori della Sicilia: Palermo, Ragusa e Trapani.

Presente una delegazione di Euro-Toques Concetto Rubbera, Natale Di Maria e Antonino Fratello.

La tecnica della lavorazione del cioccolato ha origini lontanissime, che si tramandano a Modica dal XVI secolo, e affonda le sue radici in Messico dove 3500 anni fa gli Aztechi utilizzavano il cioccolato per nutrire le loro divinità.

Urso ne ha svelato alcuni segreti sulle tecniche di lavorazione e raccontato alcune chicche sia in cucina che a livello salutistico. “Il cioccolato di Modica è un abbinamento perfetto nei cibi salati – afferma Urso – a Modica, infatti, viene inserito tra gli ingredienti della caponata”.

Dalle Cronache dei Conquistadoressappiamo che gli Aztechi usavano le fave di cacao o xocoàtl come monete. In virtù delle loro proprietà energizzanti e cardio-toniche, erano parte del pagamento dei soldati.

È buono e fa bene alla salute: il cioccolato di Modica è un alimento “perfetto”. E’ diverso, per consistenza e sapore, dal classico cioccolato. L’aspetto è grezzo e le qualità organolettiche sono inconfondibili, talmente uniche da avergli fatto conquistare la denominazione IGP. E’ anche un alleato del benessere, perché migliora la funzionalità delle arterie. A dirlo è uno studio condotto dal gruppo di ricerca del Dipartimento di Medicina Clinica, Scienze della Vita e dell’Ambiente dell’Università dell’Aquila diretto dal professore Claudio Ferri. Il cioccolato di Modica ha proprietà antiipertensivee, per l’elevato contenuto di flavonoidi, si può considerare “un alimento-farmaco che associa alla componente nutrizionale le proprietà curative dei principi attivi naturali in esso contenuti”.

“Ho avuto l’onore di conoscere Franco Ruta – racconta Urso sul palco di Expocook – e grazie a lui anche l’ultimo cioccolatiere Luigi Baglieri, purtroppo entrambi scomparsi. Luigi Baglieri mi ha spiegato che nel dopo guerra la cioccolata di Modica la si vendeva porta a porta così come il pane.  Lui girava tra Modica, Ispica, Rosolini e Noto riuscendo così a mantenere la sua famiglia. Alcuni clienti, non potendosi permettere di comprarla, la barattavano con pasta, pane e altri beni di prima necessità. La cosa che mi ha incuriosito e lasciato stupefatto era la maestria nell’ottenere la giusta temperatura del Metate considerato che non esistevano termometri”.

Ma Urso eredita l’amore per il cioccolato di Modica da Franco Ruta, patron della Dolceria Bonajuto. “Conoscerlo mi ha aperto un mondo. Ricordo che preparai un menù per la gara de Il Giro d’Italia e Franco Ruta ad ogni pietanza mi abbinò un tipo diverso di cioccolato. Tra dodici concorrenti stellati – conclude – vinsi grazie all’unione delle nostre passioni”.

Le Radici

Via Emanuele Aliffi 9, Siracusa

Contatti: 0931 740122 – 320 7115862

Email: leradiciristorante@gmail.com

Sito Web www.hotelrelax.it

Leave a comment

Send a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *